english
Interior Design concorsi Mostre e Musei grafica Mostre e Musei

Assemblement

GUARDA IL VIDEO di Elisabetta Valentini

 Tutto è iniziato con gli anni ’20 e ’30. Nel ricordo di quegli anni e degli atelier dell’epoca, al tempo stesso studio, galleria, negozio, laboratorio. Maria Teresa Grilli - straordinaria couturier dai molteplici attraversamenti geografici e mentali - e Marisa Coppiano - architetto di grande sensibilità, che cuce progetti su misura e taglia materie e carte per i suoi collage – si sono dette che un architetto è come un sarto e un sarto è come un architetto: entrambi disegnano vestiti per i loro clienti con la perizia artigianale che contraddistingue la loro esperienza. Frutto del fertile connubio immaginifico, Assemblement è una collezione di abiti e accessori che trae ispirazione dagli anni ‘30  in una rivisitazione contemporanea, ove il collage diventa parte integrante dell’abito o veste la superficie dei ventagli e dei cammei inducendo sogni, suscitando desideri, proponendo immagini fuggitive che penetrano nell’inconscio. Elisabetta Valentini, ex fotomodella, ora scrittrice, raffinata fotografa e filmaker, riprende il loro lavoro in una performance a più voci ove domina la visibilità/invisibilità, la forza delle donne ma anche la loro vulnerabilità. 

“Abbiamo voluto esprimere la primavera, la vita nuova, il risveglio; abbiamo scelto i colori più luminosi, fondendoli tra di loro in un circuito di estrema armonia. Ma anche le atmosfere notturne parigine di quegli anni in un mix di bianchi e di neri ”, dichiarano Maria Teresa e Marisa.

E a proposito dell’essenza della bellezza commentano con Elisabetta: “Il filosofo J.Krishnamurti ha detto che la bellezza è dove l’io non c’è, come dire che solo quando l’ego è silente possiamo avere esperienza della bellezza”.

Assemblement è stato un evento, è un’installazione che è stata ospitata prima a Torino nell’atelier di Mariateresa Grilli e poi a Napoli nella cornice dell’ottocentesco Palazzo Spinelli, ora Hotel Costantinopoli che, per l’occasione si è trasformato in un fantasmagorico atelier dove dialogano talenti e voci diverse, dove l’arte convive con la moda e le arti decorative.

www.torinoforyou.blogspot.it

 

 

<< INDIETRO